Indietro

Nettuno si sposterà in Ariete – Fede e guerra, delitto e castigo

Il pianeta che io percepisco sempre distonico rispetto alla mia natura, ma che regge aspetti vitali fondamentali come la chimica, l’arte, la fede, la visionarietà, la compassione e la medianità, è in zona d’atterraggio verso l’ariete, bellicoso e marziale primo segno dello zodiaco.

In realtà per individuare possibili aree di azione del transito, sarebbe sufficiente collegare i valori succitati a guerra, nuovo inizio, assertività, affermazione di supremazia, scarsa empatia.

Ma l’astrologia ci permette di effettuare valutazioni approfondite e passarle anche al vaglio delle cosiddette ipotesi di realtà. Mi piacerebbe pensare che Nettuno porti spiritualità al guerrafondaio ariete e faccia arrivare la pace in tutto il mondo, ma so che sarebbe proprio un’utopia nettuniana.

Come sempre, per sapere cosa abbiamo davanti è utilissimo guardare indietro, e la storia ci insegna che la connessione principale di questo passaggio è la connessione fra guerra e religione, anche del fanatismo relativo. Tutto ciò che rappresenta un incontro fra la follia bellicosa e la follia fideistica viene disperatamente a galla.

Ci tengo a sottolineare la parola fideistica, nella sua accezione di visionarietà: a volte si lotta per un’ideale come se questo fosse l’essenza del divino in terra, qualcosa di struggente, profondo, come una fede religiosa.

Vi ho approntato uno schema (in parte ringrazio tale Naga di sudemagia che ha scritto un post raccogliendo gli eventi per data risparmiandomi ore di ricerche, che qui cito integralmente) dei fatti accaduti durante i passaggi di nettuno ariete:

432-419 a.C. Nettuno era in Ariete al culmine delle antiche città-stato greche che erano sempre in disaccordo. La guerra del Peloponneso tra Atene e Sparta iniziò nel 431 a.C. e durò per decenni.

60-73 CE, A Roma, il cristianesimo si stava diffondendo rapidamente, nonostante la persecuzione, e anche dopo che Nerone li accusò di aver iniziato il Grande Incendio di Roma nel 64 d.C.

1206 – 1219 Le crociate cristiane erano in pieno svolgimento, essendo iniziate quando Plutone era in Ariete (ovviamente!). Questo periodo vide anche la fondazione di vari ordini monastici, come i francescani nel 1209 e i domenicani nel 1216.

Nel 1534-1547 abbiamo gli eventi più parlanti, e incredibilmente simile a quello che ci apprestiamo a vivere: Nettuno era in Ariete insieme a Plutone in Acquario e subito dopo Urano in Gemelli. Questo fu il periodo che vide Enrico VIII staccarsi da Roma e dichiararsi capo supremo della Chiesa d’Inghilterra nel 1534. Ciò portò alla dissoluzione dei monasteri nel 1536 e alla distruzione di reliquie e chiese religiose, e lotte senza fine tra cattolici e protestanti. Nel frattempo, papa Paolo III istituì l’Inquisizione romana per stanare i protestanti e iniziò una Controriforma al Concilio di Trento nel 1545.

1861-1874 insieme a Urano in Gemelli, quando la guerra civile americana divise la nazione in nord e sud, (una guerra di posizionamento ideologico, appunto).

Dovendo procedere ad una proiezione di simili valori, non posso che pensare anche ai risvolti del passaggio di Nettuno come grandissima energia impiegata a scopi assistenziali e chimico/farmaceutici.

Con questo medesimo transito accadde che Louis Pasteur, uno dei padri della teoria dei germi, inventò la pastorizzazione per distruggere i batteri e brevettò il processo nel 1865. Ciò ispirò Joseph Lister a sviluppare medicazioni antisettiche da utilizzare in chirurgia. Nel 1869 Dimitri Mendeleev pubblicò la sua tavola periodica degli elementi, i mattoni invisibili di tutte le cose.

La Croce Rossa è stata fondata in Svizzera nel 1863, e nel 1866 il dottor Barnardo ha fondato la sua casa per bambini vulnerabili, e in Gran Bretagna, il Trades Union Congress, il primo sindacato nazionale dei lavoratori, è stato istituito nel 1868.

Da questi esempi possiamo trarre solo una conclusione: la fede e la guerra, le rivoluzioni contro oppure a favore di una fede saranno sicuramente uno dei fattori salienti per il nostro pianeta e per la politica mondiale, fino al 2039, e anche un filo oltre, perché gli influssi dell’universo defluiscono lentamente, non sono una chiave che apre o chiude una porta.

Che questo porti verso il Medio Oriente è indubbio, dove si spera sia in un’altra primavera araba, sia in un definitivo accordo per Gaza e territori occupati. Ma potrebbe anche essere un forte ammodernamento del Giappone, ancora molto legato ad una visione divina dell’imperatore che cristallizza il ruolo della famiglia imperiale in una sorta di limbo dei non viventi.

Ovviamente Nettuno è anche fanatismo, per cui potrebbe associare le battaglie (sia militari che politiche) a tutti i regimi dittatoriali del globo, che potrebbero gonfiarsi, letteralmente, fino ad esplodere, come i palloncini a gas, quel gas tanto nettuniano.

A volte, come insegna Giove di transito, che dilata ciò che trova al fine di costringerci ad occuparci di certe situazioni, (in questo modo dopo il suo passaggio, anche se non è stato fluido come ci aspettavamo, il problema pregresso è comunque scomparso) esacerbare una situazione può alla fine scaricarla e concluderla, ed è ciò che tutti speriamo.

Anche perché, dopo il grande periodo terra-acqua, ci avviciniamo ad un periodo aria-fuoco, con Plutone e Urano rispettivamente aquario e gemelli, con Giove che già in primavera apre le danze; e nettuno in ariete dove arriva dopo nemmeno un anno, anche Saturno.

Questo comporta un esiziale spostamento di energie, e una grandissima spinta all’azione risolutiva e assertiva. L’acqua e la terra insieme creano alla fine una palude, ed appare evidente agli occhi di tutti noi che negli ultimi 10-15 anni il mondo si sia impantanato in una cronica crisi di valori e possibilità.

L’aria e il fuoco invece promettono strategie vincenti, azioni decisive, guidate da raziocinio e desiderio di bene comune(aquario) e cultura con pensiero (gemelli).

L’ottima notizia è che l’assenza della terra fa terminare la gravissima crisi economica e l’aumento dei prezzi che Urano in toro quadrato a Plutone ha reso un vero flagello (persino in Cina la crisi economica sta mettendo in ginocchio la produzione): e purtroppo, in questo senso le mie previsioni sono state esatte, se andate a rivederle confrontatele con la realtà. Il grande dramma di questi anni è la sconfitta economica del medio ceto.

Senza nessuna polemica (ogni commento fuori luogo verrà cancellato) ma mentre le persone si scagliavano contro i vaccini “portatori di morte ecc.” e facevano battaglie in tal senso, le grandi compagnie finanziarie acquistavano case e negozi, piccole aziende, a prezzi stracciati a coloro che la quarantena aveva messo in difficoltà. A volte penso che se ci sono davvero poteri occulti, hanno scatenato la guerra al vaccino proprio per distrarci e nel frattempo derubarci di ciò che anni di sacrifici avevano eretto solidamente.

—- SEGUE CON PLUTONE IN AQUARIO

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *